Studio Cardella
     
Home Adempimenti sulla Privacy Violazione Privacy - Responsabilità civile e penale

Adeguamento Privacy

il 25 maggio 2018 entra in vigore la GDPR 679

Il Regolamento Europeo sul trattamento dei dati personali

contattaci per adeguare la tua azienda

servizio chiavi in mano

 

Web Agency

Offerta Web SiteRealizziamo il tuo sito web

con un canone fisso mensile

Siti Vetrina, e-commerce, Portali...

contattaci

Verifiche Ascensori

Verifiche Ascensori Ispezioni ai sensi del DPR 162/99

 Verifiche Biennali

 Certificazione di Nuovi Impianti

 contattaci o richiedi un preventivo on line

Verifiche Elettriche

Verifiche Messa a Terra Ispezioni ai sensi del DPR 462/01

 Impianti di Messa a Terra

 Impianti di Protezione dalle Scariche Atmosferiche

 Impianti in Luoghi con Rischio di Esplosione

 contattaci o richiedi un preventivo on line

Violazione Privacy - Responsabilità civile e penale

Aspetti di  responsabilità penale 

Così recita l’art. 169 del TESTO UNICO PRIVACY:

Omessa adozione di misure necessarie alla sicurezza dei dati:

1. Chiunque, essendovi tenuto, omette di adottare le misure minime previste dall'articolo 33 è punito con l'arresto sino a due anni o con l'ammenda da diecimila euro a cinquantamila euro.

2. All'autore del reato, all'atto dell'accertamento o, nei casi complessi, anche con successivo atto del Garante, è impartita una prescrizione fissando un termine per la regolarizzazione non eccedente il periodo di tempo tecnicamente necessario, prorogabile in caso di particolare complessità o per l'oggettiva difficoltà dell'adempimento e comunque non superiore a sei mesi.Nei sessanta giorni successivi allo scadere del termine, se risulta l'adempimento alla prescrizione, l'autore del reato è ammesso dal Garante a pagare una somma pari al quarto del massimo dell'ammenda stabilita per la contravvenzione. L'adempimento e il pagamento estinguono il reato.

L'organo che impartisce la prescrizione e il pubblico ministero provvedono nei modi di cui agli articoli 21, 22, 23 e 24 del decreto legislativo 19 dicembre 1994, n. 758, e successive modificazioni, in quanto applicabili.

Aspetti di  responsabilità civile Art. 2050 c.c.

Il TESTO UNICO PRIVACY qualifica il trattamento dei dati come attività pericolosa, art. 2050 c.c.

E ' prevista pertanto una inversione dell'onere della prova nell'azione risarcitoria ex articolo 2043 c.c.: l'operatore è tenuto a fornire la prova di avere applicato le misure tecniche di sicurezza più idonee a garantire la sicurezza dei dati detenuti.

A livello pratico questo significa che l’azienda, il professionista, la PA ecc., per evitare ogni responsabilità deve dimostrare di aver adottato "tutte le misure idonee ad evitare il danno", e quindi di aver messo in essere tutte le misure di sicurezza al meglio possibile (la miglior tecnologia disponibile). Il che non è affatto facile da dimostrare...

Art. 2049 c.c.

In generale poi a carico dell'azienda risulta comunque la responsabilità ex art 2049 c.c., ovvero la responsabilità prevista in capo a padroni e committenti.

L’art. 2049 difatti recita: "padroni e committenti sono responsabili per i danni arrecati dal fatto illecito dei loro domestici e commessi nell'esercizio delle incombenze cui sono adibiti".

Legge n. 547/1993

Crimini informatici commessi da dipendenti ed addebitabili all’azienda

La legge 547/93 ha introdotto nel nostro ordinamento vari "crimini informatici", ovvero l’attentato a impianti informatici di pubblica utilità, falsificazione di documenti informatici, accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici, diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico, violazione di corrispondenza telematica, intercettazione di e-mail, danneggiamento di sistemi informatici o telematici (...).

Il datore di lavoro rischia di essere ritenuto in concorso con il dipendente a lui subordinato che ha commesso il crimine informatico, per non aver posto in essere tutte le misure di prevenzione e controllo idonee a garantire la sicurezza del trattamento dei dati.

La mancata adozione di tutte le misure idonee a ridurre al minimo i rischi viene considerata difatti un agevolazione alla commissione del crimine.

 
Violazione AmministrativaSanzione
Art. 161 Omessa informativaOmessa informativa in caso di dati sensibili o giudiziari o di trattamenti che presentino rischi specificiDa 3.000 a 18.000 euroDa 5.000 a 30.000 euro
Art. 162 Cessione dei datiDa 5.000 a 30.000 euro
Art. 163 Omessa o incompleta informativa al GaranteDa 10.000 a 60.000 euro
Art. 164 Mancata esibizione di informazioni o documenti richiesti dal GaranteDa 4.000 a 24.000 euro
  
Illecito PenaleSanzione
Art. 167 Trattamento illecito di datiReclusione da 6 mesi a 3 anni
Art. 168 False dichiarazioni e notificazioni al GaranteReclusione da 6 mesi a 3 anni
Art. 169 Mancata adozione delle misure di sicurezzaArresto sino a 2 anni o ammenda da 10.000 a 50.000 euro
Art. 170 Inosservanza di provvedimenti del GaranteReclusione da 3 mesi a 2 anni
 

Utenti on line

 27 visitatori online

Statistiche di Accesso


Visitatori Oggi:18
Visitatori Mensili:957
Visitatori Totali83930